domenica 15 gennaio 2017

E' DEMOCRATICO, ETICO E COSTITUZIONALE "RICATTARE" I COMUNI?



REGIONE FRIULI-VG

UNIONI TERRITORIALI INTERCOMUNALI (UTI)


E' DEMOCRATICO, ETICO

E COSTITUZIONALE
 
RICATTARE I COMUNI?
 
----------


Dalla stampa della
minoranza linguistica slovena
della Provincia di Udine
 

DOM – 15 gennaio 2017 - pag. 8

 
Servizio di

Luciano Lister



1) I comuni delle Valli
 
 si sono arresi

tutti nell'Unione del Natisone



Alla fine, nella nuova Uti del Natisone ci sono dovuti entrare tutti. Le parole del sindaco di San Leonardo/Svet Lienart, Antonio Comugnaro, riassumono bene lo spirito con cui il fronte dei ricorrenti ha compiuto questa scelta. "Abbiamo compiuto questo passo assieme agli altri Comuni ricorrenti perché le risorse a disposizione per attuare i progetti erano limitate. Eravamo già rimasti fuori da riparti che per noi erano fondamentali per poter proseguire (...)".

(…) "si richiedeva la creazione di ambiti omogenei dal punto di vista culturale, economico e storico. L'Uti del Natisone non ha alcuna di queste caratteristiche" (…)



...........................



2) Il lungo percorso

verso l'ingresso



(Il sindaco di San Pietro al Natisone ha ripercorso le principali tappe dei Comuni che hanno fatto ricorso)

Durante la seduta consiliare di approvazione dello statuto dell'Uti del Natisone del 27 dicembre, il sindaco di San Pietro al Natisone, Mariano Zufferli, ha ripercorso in un documento, condiviso nelle recenti sedute di approvazione dello statuto anche a Pulfero, San Leonardo, Drenchia e Grimacco, la strada che ha portato all'adesione al nuovo ente (Uti del Natisone n.d.r.) (….)

Di tutte le 17 Uti costituite, è stata, così, fissata la meno omogenea, che mette insieme pianura e montagna, conformazioni demografiche, sociali, economiche e culturali diverse. Per le regole di funzionamento, è stato subito evidente che i piccoli comuni delle Valli sarebbero stati fagocitati. Le amministrazioni di Drenchia, Grimacco, Pulfero, San Leonardo e Torreano hanno deliberato di impugnare la legge facendo ricorso al Tar. (….)

La Giunta regionale ha, quindi, voluto indurre i comuni ribelli all'adesione per via finanziaria, con penalizzazioni nei trasferimenti dei fondi regionali per i non aderenti. (...)

 
Nel documento la Giunta viene definita impassibile davanti alla richiesta di delimitazione territoriale (…).

(...) Nel documento è, infine, fissato nero su bianco che l'adesione all'Uti dei cinque comuni ricorrenti parte dal ricatto economico  (…)


.......................

 

DUE DOMANDE

alla Presidente di regione

Debora Serracchiani

e all'Assessore Paolo Panontin
 
 
1) Nel  Friuli-VG  (regione ad autonomia speciale!)  viene rispettato l'art. 1 della Costituzione italiana o il popolo che vive in questa regione è stato espropriato  del diritto di esercitare  il principio costituzionale della "sovranità popolare"?

Chi in regione detiene la maggioranza di governo può "fare come gli pare" per cinque anni senza tener conto del territorio e delle richieste che questo esprime? E' questo che prevede la Carta Costituzionale?
 
2) Da articoli di stampa risulta che l'assessore regionale Paolo Panontin abbia ribadito più volte che "le leggi possono anche non piacere, ma vanno comunque rispettate".
 

Anche l'art. 1 e l'art. 5 della Costituzione italiana possono non piacere (e infatti non piacevano all'ex-governo di Matteo Renzi che ha tentato di manometterli!), ma vanno comunque rispettati perché sono le fondamenta della democrazia nella Repubblica italiana.

Con la resa i Comuni della Valle del Natisone  forse  oggi  risolvono un loro grave problema finanziario causato esclusivamente dalla politica finanziaria regionale ricattatoria e discriminante, ma si apre però in regione un  problema gravissimo: la tragica assenza di democrazia, di etica e di rispetto del territorio da parte di chi ha l'onore e l'onere di governare... 

Con i ricatti e le imposizioni non si governa ma si violenta la democrazia e la Carta Costituzionale!
 
 
La Redazione del blog
 

............


COSTITUZIONE ITALIANA

 

PRINCIPI FONDAMENTALI
 
ART. 1.
 
L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.

La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.



(...)


 
ART. 5. 
 
La Repubblica, una e indivisibile, riconosce e promuove le autonomie locali; attua nei servizi che dipendono dallo Stato il più ampio decentramento amministrativo; adegua i principî ed i metodi della sua legislazione alle esigenze dell’autonomia e del decentramento.
 

 

........................

venerdì 13 gennaio 2017

"TULLIO DE MAURO E LA BRAURE DI JESSI FURLANS" de professore Silvana Schiavi Fachin


 
Il prof. Tullio De Mauro, al è stât
un grant amì dai Furlans e dal Friûl,
di dutis lis minorancis linguistichis
e un dai plui granç inteletuâi dal Nufcent.

Un gracie ae Professore
Silvana Schiavi Fachin/Silvana Spajota dal Sclâs

pal ricuart di Tullio De Mauro
che nus regale

Gracie Silvana!
 
Zenâr 2017
.................

 
Tullio De Mauro

e la braure di jessi furlans


di Silvana Schiavi Fachin

/ Silvana Spajota dal Sclâs



Te zornade di Sabide stât, ai 7 di Zenâr dal 2017, la stampe nus faseve cognossi i ultins dâts ISTAT sul nivel culturâl che si cjatin a vê i talians vuê intant che, te aule magne de Universitât “ La Sapienza” di Rome si tignivin i discors par memoreâ il prof. Tullio De Mauro, che nus veve lassâts a bot e sclop doi dîs prime. Che un talian su cinc nol leiedi mai un gjornâl e nol vierzi nancje un libri ad an come che l’Istat nus mostre, no son purtrop des novitâts ma o soi sigure che la sô vôs si sarès sintude a fuart come che par agnôrums al à fat par sburtâ ancjemò la politiche, l’academie, la intelighenzie e la scuele a progjetâ e programâ in maniere serie la incressite linguistiche e culturâl de popolazion.

Cognossût in dut il mont , al è stât un dai plui granç inteletuâi dal Nufcent e nus à lassât contribûts fondamentâi intune schirie di ambits unevore largje: des siencis dal lengaç, ae centralitât dal lengaç te vite sociâl, te esperience educative, te partecipazion ae vite civîl e democratiche tal nestri Paîs, in Europe e tal mont. Une vision umanistiche che e travane ducj i siei studis, ducj i siei intervents, dutis lis sôs publicazions, des plui specialistichis ai tescj e discors di divulgazion par un public gjeneric, no specialistic indulà che contignûts e concets complès a vegnin pandûts cun espressions semplicis e peraulis che si puedin capî cence dificoltât. Une vision tal stes timp culturâl, filosofiche, politiche, linguistiche e democratiche che ancjemò tal lontan 1975 al à metût dentri tes Dieci Tesi per l’educazione linguistica democratica che a forin discutudis e adotadis subit dal GISCEL (Gruppo di Intervento e di Studio nel Campo dell’Educazione Linguistica) un grup operatîf di linguiscj e insegnants nassût dentri de SLI (Società di Linguistica Italiana) .

Lis dîs tesis a son un piçul compendi di principis di fonde par une politiche linguistiche che a partî de scuele “sia pure una scuola profondamente rinnovata e socializzata, seiadî ancje inclusive che no esclût nissun e duncje democratiche e à di cjapâ dentri dutis lis istituzions che “attivano (o dovrebbero attivare) la vita culturale di massa”: le academie in primis e lis istituzions publichis, dai comuns fintremai a lis regjons, al Parlament e al Guvier e ai sistemis di informazion e di comunicazion di masse. Parvie che di dutis chestis istituzions, sevi in maniere direte, sevi indirete e àn une grande responsabilitât tal nudrî il nestri lengaç verbâl . “ Il linguaggio verbale, al scrîf Tullio De Mauro te tesi I s, è di fondamentale importanza nella vita sociale e individuale perché, grazie alla padronanza sia ricettiva (capacità di capire) sia produttiva di parole e fraseggio, possiamo intendere gli altri e farci intendere (usi comunicativi); ordinare e sottoporre ad analisi l’esperienza (usi euristici e cognitivi); intervenire e trasformare l’esperienza stessa (usi emotivi, argomentativi, ecc.).

E un dai dovês fondamentâi de scuele, a disin plui indenant lis 10 Tesis, al è chel di svilupâ une pedagogjie linguistiche eficace, valevule e duncje democratiche daûr dai principis costituzionâi, in particolâr chei dai articui 3 e 6 che “hanno come traguardo il rispetto e la tutela di tutte le varietà linguistiche, (siano esse idiomi diversi o usi diversi dello stesso idioma) a patto che ai cittadini della Repubblica sia consentito di non subire tali differenze come ghetti e gabbie di discriminazione, come ostacoli alla parità. Cfr. Tesi n.IV

Cheste peraule, democratiche, che De Mauro al zonte no a câs e stabilis un dirit educatîf che al è di ducj cence diferencis di classe sociâl e cence “distinzions di lenghe” come che e dîs apont ancje la nestre Costituzion. Principis e concets che al à tornât a esponi e a scrivi in mût acanît in dutis lis sôs funzions e i siei rûi.

Culture e politiche si son di fat incrosadis in mût salt te sô ativitât lungje e vivarose. Al è stât un grant linguist e un grant om public, un mestri che al à simpri trasmetût l’idee che il lengaç nol è une entitât neutre si ben al à simpri dai riflès sociâi e politics.

Sevi come professor universitari, sevi come Ministri, sevi come scritôr, editorialist, lessicolic e lessicograf al à simpri considerât lis peraulis come fats concrets. Le parole, al scriveve, sono esse stesse fatti, e fatti politicamente rilevanti . E ancje i studis sui vocabui e lis locuzions che a formin un setor dal sisteme linguistic a facilitin o a impedissin la comprension dal mont. Un fîl rouge che al à traviersât dut il so lavôr sul vocabolari. Al percor fûr par fûr il GRADIT ( Grande dizionario italiano dell’uso) in sîs volums e CD ROM , publicât de UTET e che si pues ancje consultâ online.

Cuant che finalmentri la Regjon e à concedût un finanziament, cjapant come model di riferiment il GRADIT, al è partît il lavôr di costruzion dal Grant Dizionari Bilengâl Talian Furlan ( GDB TF) in version eletroniche e di cjarte (in 6 volums). Il prof. De Mauro al à simpri seguît il lavôr dai nestris ricercjadôrs e al è vignût in Friûl plui voltis a presentâlu. In gracie sô il GDB TF lu àn cognossût ancje i linguiscj de Societât di Linguistiche Taliane (SLI) che nus à invidâts a partecipâ a un congrès te Universitât de Tuscia, e tal forest che il dipartiment di linguistiche taliane de Universiât di Stocolme nus à invidâts par discuti la costruzion di un vocabolari svedês-talian sul model di chel furlan.

Ogni peraule tal GRADIT e tal GDB TF e à une marche che identifiche i vocabui di massime frecuence ( FO), di alt ûs, di ûs leterari, tecnic, sientific, e v.i. Une struturazion preziose ancje par insegna/imparâ la lenghe. E jude difat a controlâ il percors che ogni arlêf al fâs, passant dal furlan patrimoniâl/fondamentâl – il cûr vitâl di ogni lessic – leât ae vite di ogni dì, aes usancis e costums de tradizion, a peraulis plui specifichis leadis a ambits particolârs, come chel leterari, sientific, tecnic, matematic, tecnologjic, e v.i.

No dismentearai mai che al è stât Tullio De Mauro a fâmi cognossi a fonts la grande personalitât dal nestri grant linguist Graziadio Isaia Ascoli ( 1829-1907), nassût a Gurize di famee ebraiche. Lu vevi studiât par cont gno, o vevi sintût esperts tes cunvignis ma in gracie sô o soi lade a cjatâ fûr il toc che o ripuarti sotvie e che nissun prime mi veve segnalât:

Così ci parlano del gran danno che sia il mantenere i nostri figliuoli quasi bilingui, lasciando loro cioè il dialetto materno e costringendoli a studiare, al modo che si fa d’un idioma estraneo, la lingua che si dice nostra, con tanto spreco, aggiungono, delle loro intelligenze, (…), come se la scienza e l’esperienza non dimostrassero in cento maniere, che è anzi una condizione privilegiata, nell’ordine dell’intelligenza, questa dei figliuoli bilingui, e come se in casa nostra fosse affatto chiaro che l’incremento della cultura stia in ragion diretta della prossimità o della maggior vicinanza fra parola parlata e parola scritta, laddove il vero è precisamente l’opposto (cfr. Archivio Glottologico Italiano, Saggi Ladini, 1873, PROEMIO , XXVIII )

Cuant che al è vignût a Udin par fâ la prolusion al prin Symposium internazionâl di ricercje sul multilinguisim, l’educazion plurilengâl e la formazion dal docents, tal Setembar dal 2010, fevelant di “Le lingue dell’insegnamento: qualche nota preliminare. /Teaching languages: some preliminary notes, nus à ancjemò une volte, fasint riferiment al grant glotolic gurizan, trasmetût la braure di jessi furlans e l’incitament a custodî e a svilupâ il nestri patrimoni.

Al disè: “In rapporto con queste idee e forse anche per la sua formazione giovanile nella multilingue Gorizia e nel multilingue Impero austroungarico, Ascoli fu anche attento alle lingue ‘lesser used’: dobbiamo ai suoi studi l’individuazione dell’autonomia e specificità delle parlate franco-provenzali e ladine.
L’amore per la patria maggiore faceva tutt’uno con l’amore per le piccole patrie, lui che di sé diceva in friulano: «I soi nassût a Guriza di gjenitôrs israelits, i soi fi dal Friûl e mi glori di chest».
(…). Nel 1975, quando pochi in Europa parlavano di linguistic education, i linguisti della Società di linguistica italiana tradussero quelle idee in un documento adottato collettivamente, le“Dieci tesi per una educazione linguistica democratica”.
Eppure…dall’alta cultura intellettuale e specialistica e nonostante l’impegno di molti giovani linguisti le idee di una educazione linguistica imperniata sul riconoscimento del multilinguismo e plurilinguismo hanno trovato resistenza nella mezza cultura, nel giornalismo, in politici di vario orientamento, negli insegnanti.
Dopo molti anni di lavoro della Società di Linguistica e dei suoi gruppi, si calcola che soltanto un quarto degli insegnanti conosce e condivide le Dieci tesi. L’approvazione di una legge di tutela delle lesser used languages (l. n.482 del dicembre 1999) è stata preceduta e seguita da polemiche spesso prive di ogni fondamento, che qua e là ancora rigurgitano.”

Un compit che, par onorâLu, ancje nô furlans o varessin di puartâ indenant in dutis lis sedis - publichis o privadis - par scombati chê “mieze culture” che purtrop a travane ancjemò la nestre societât.


Silvana Schiavi Fachin
/ Silvana Spajota dal Sclâs

................



giovedì 12 gennaio 2017

UNIVERSITA' DEL FRIULI - LETTERA APERTA ALLA POLITICA REGIONALE - COMUNICATO STAMPA


 
 
e pal Rilanç dal Friûl




UNIVERSITA' DEL FRIULI
 
 
 
Lettera aperta

alla politica regionale



Comunicato stampa



In questi giorni di lutto per il mondo autonomista friulano che vede la grave perdita di Marzio Strassoldo, Alberto di Caporiacco ed anche di Tullio de Mauro di cui rimpiangeremo a lungo la competenza e attenzione rivolta alla lingua friulana, vogliamo ricordarli riprendendo un argomento fondamentale per il Friuli ovvero la difesa e valorizzazione della sua università.
E' di questi giorni la pubblicazione della lista dei fondi statali agli atenei da cui risulta che, questa volta, quello di Udine subirà una riduzione, tra il 2015 ed il 2016, per 2,7 ml (cfr http://www.roars.it/online/dati-ufficiali-ffo-premiale-messina-37-catanzaro-33-milano-statale-9-udine-14-siena-39/) .
La perdita finanziaria effettiva si ferma a 1,1 ml solo perché non può andare sotto la soglia del -2,25% del fondo totale. Ma la perdita di qualità della ricerca a Udine, se è avvenuta ed è di quella entità, è un problema serio. E’ davvero così? E se è così perché ciò è avvenuto? Il Rettore De Toni dovrebbe chiarire questo punto.
Nel confronto con Trieste, inoltre, risulta che Udine avrà ben 14 ml in meno di fondo statale.
Udine, purtroppo, a livello nazionale, nonostante la quota premiale e la quota perequativa, sarà sempre penalizzata nei confronti di Trieste perché, la gran parte del fondo statale è ancora assegnato su base storica (Udine 49 ml; Trieste 60 ml) e cioè non sulla dimensione attuale, che è pressoché simile, ma su quella che avevano gli atenei diversi anni fa (quando Udine era più piccola di Trieste). Bisogna premere, quindi, affinché, a livello nazionale, i finanziamenti vengano attribuiti sulla base dei costi standard e del numero attuale degli studenti. Ma c’è anche un altro strumento che può e deve essere usato subito e cioè l’art. 6, comma 3, lettera d, della legge regionale 97/2011 (quella sul sistema universitario regionale) che prevede appunto la “perequazione dei finanziamenti ministeriali”.
Quella clausola doveva consentire all’Università del Friuli di avere, dalla Regione, qualche milione in più ogni anno a compensazione delle minori entrate ministeriali.
Forse il modo migliore per ricordare Marzio Strassoldo e tutte le voci che in questi decenni si sono levate per il Friuli non sono le occasionali lacrime di cordoglio, in particolare da parte di assessori e consiglieri regionali friulani, ma l’applicazione dell’art. 6 comma 3 della legge regionale 97/2011 – comma 3 lettera d – fino ad oggi mai applicato.
Udine, 8.1.'17
Il presidente
Paolo Fontanelli
 
..........
 
La "Lettera aperta alla politica regionale" a firma di Paolo Fontanelli, Presidente del "Comitât pe autonomie e il rilanç dal Friûl" è stata pubblicata mercoledì 11 gennaio 2017 sul settimanale della Arcidiocesi di Udine, LA VITA CATTOLICA, nella rubrica "Giornale aperto" e con il significativo titolo "Che succede all'Università?" 

martedì 10 gennaio 2017

DANIELE DI GLERIA - SINDACO DI PAULARO - SPIEGA PERCHE' BOCCIA LE UTI


REGIONE FRIULI-VG 

UNIONI TERRITORIALI INTERCOMUNALI
(UTI)
 

UNA RIFORMA FALLIMENTARE
 
 
(...) non posso e non voglio essere ricordato dalla mia comunità come il Sindaco che ha svenduto il suo paese, non voglio che il ruolo e la rappresentatività  del consiglio comunale venga svilito e con esso il voto espresso dai cittadini.
 
4 gennaio 2017
 
DANIELE DI GLERIA 

Sindaco del Comune di Paularo (Ud) 
 

-------------------
 
La Redazione del Blog nel complimentarsi con il Sindaco di Paularo (Comune montano della Provincia di Udine) - Daniele Di Gleria - per l'articolo a sua firma pubblicato dal settimanale della Arcidiocesi di Udine, La Vita Cattolica, mercoledì 4 gennaio 2017 - pagina 9 - lo ringrazia per averle concesso la pubblicazione del suo scritto anche sul nostro Blog.

Un "bravo" al Sindaco di Paularo, Daniele Di Gleria, che ha avuto il coraggio di dichiarare pubblicamente quanto molti  altri sindaci friulani, che hanno  aderito  alle  UTI  spesso  per  paura  di ritorsioni economiche  o perché spaventati dal rischio "commissario" ("commissariamento" poi dichiarato illeggittimo dal Tar di Trieste!), condividono in silenzio e "lamentandosi solo in osteria"!. 
     
La Redazione del Blog
 
.....................
 

NO AL MIO COMUNE

INUTILE SCATOLA VUOTA
 
 
di Daniele Di Gleria
 
Sindaco di Paularo (Ud)
 
 
La prima grande riforma che ha interessato gli enti locali della nostra Regione è avvenuta con l’entrata in vigore della L.R.1/2006 “Legge Iacop” ed in particolare il capitolo V che prevedeva le associazioni intercomunali.

Il comune di Paularo è stato il promotore nella costituzione dell’Associazione Intercomunale Alta Carnia coinvolgendo i comuni di Arta Terme, Zuglio e Ligosullo per la gestione associata di ben 10 servizi ottenendo ingenti contributi regionali nel periodo 2007-2012.
 
A partire dal 2017 questa funzione non è più percorribile in quanto le Associazioni Intercomunali, così come le Province, sono state sostituite dalle UTI.

Nel 2011, con la Legge regionale 14, ci fu una prima riforma relativa al riordino degli Enti locali, nei confronti della quale il Comune di Paularo assunse una posizione di contrarietà in quanto si temeva la perdita della propria autonomia senza alcun beneficio per il territorio. Successivamente, la L.R.14/2011 venne sostituita dalla L.R.26/14 che, tra le tante cose, introdusse il concetto di obbligatorietà, affiancato da pesanti penalizzazioni economiche in caso di mancata adesione, con ulteriore aggiunta del commissariamento del Consiglio Comunale in caso di bocciatura degli statuti.

Il Comune di Paularo per iniziativa dell’allora Sindaco Faleschini, aveva proposto, in alternativa, una formula organizzativa che prevedeva la figura dei “sindaci delegati” capace di coinvolgere tutte le amministrazioni per competenza piuttosto che per territorio: ogni Sindaco avrebbe avuto un ruolo importante così come i vari Assessori e Consiglieri Comunali che sarebbero stati elementi attivi nella gestione della Carnia.

Poi è mancato il coraggio di applicare lo statuto originario approvato nei vari Consigli Comunali ed è mancato soprattutto il coraggio di scegliere un Presidente che rappresentasse la montagna vera, anzi, si è provveduto immediatamente a modificare lo statuto introducendo i sub ambiti e con essi la riproposizione della giunta, nella falsa convinzione che questa soluzione avrebbe garantito un sistema molto più snello ed efficiente.

Già in questa prima fase avevamo valutato la possibilità di fuoriuscire dall’UTI, ma, ancora una volta, e per spirito di collaborazione, abbiamo concesso fiducia, in attesa dei benefici tanto acclamati con l’applicazione di uno statuto diverso da quello già approvato nei Consigli Comunali, ma, come era facilmente prevedibile questo non si è verificato.

Elemento determinante della decisione è stata l’imposizione del trasferimento dei servizi finanziari e contabili ed il controllo di gestione in UTI dal 01 Gennaio 2017 accelerando così il processo di accentramento delle funzioni non ancora obbligatorie, svuotando i Comuni della gestione del bilancio e quindi delle proprie risorse. La paralisi dell’intera attività gestionale sarebbe stata cosa certa.

Condivido pienamente l’opinione dei colleghi Sindaci che ritengono che con queste azioni, nei prossimi anni, le Amministrazioni Comunali diventeranno delle inutili scatole vuote, svilendo il ruolo del Consiglio Comunale e con esso il concetto di rappresentatività espresso dai cittadini con il proprio voto per ogni singolo Consigliere eletto.

Considerato che non ritengo plausibile che l’UTI possa ragionevolmente conseguire un sufficiente livello di operatività e di salvaguardia dei diritti, delle aspettative e delle esigenze del territorio e che inoltre non possa assolutamente permettersi, in un periodo di forte crisi economica come quella che stiamo vivendo alcun tipo di esperimento sulla pelle altrui e considerato inoltre che la posizione di attesa e di collaborazione che questa amministrazione ha dimostrato in questo periodo non possa più essere mantenuta, abbiamo deciso di fuoriuscire dall’UTI portando al voto del Consiglio Comunale la proposta di revoca delle delibere di approvazione dello Statuto.

Con il programma elettorale abbiamo proposto di mantenere operativa al 100% la struttura comunale ed intendiamo mantenere tale promessa. Paularo è un Comune con quasi 2800 abitanti, esistono molte associazioni che lavorano sul territorio per mantenere vive le proprie usanze, la propria cultura, la propria storia e tradizione; l’anno appena concluso ha visto nascere nuove attività commerciali mentre altre si sono rinnovate per stare al passo con i tempi. Credo nella mia gente e non posso permettermi di tradire la loro fiducia, soprattutto dei più giovani sempre più attratti dalla città. Svuotare il Comune delle proprie funzioni vorrebbe dire aumentare, intensificare, accelerare il percorso di spopolamento della montagna, nella consapevolezza che specialmente nelle nostre zone ogni forma di arretramento sociale ed economico diventa irrecuperabile fino a determinare la morte dei piccoli Comuni.

In conclusione, non posso e non voglio essere ricordato dalla mia comunità come il Sindaco che ha svenduto il suo paese, non voglio che il ruolo e la rappresentatività del Consiglio Comunale venga svilito e con esso il voto espresso dai cittadini.

 
IL SINDACO

Daniele DI GLERIA


venerdì 6 gennaio 2017

QUANDO IL TG RAI REGIONALE IN LINGUA FRIULANA?




 
 
MINORANZE LINGUISTICHE

Tg RAI in lingua slovena
ore 20.30
su RAI 3 Bis



QUANDO ANCHE

IN LINGUA FRIULANA
 
IL TG RAI ?

 
COSA ASPETTA LA GIUNTA REGIONALE
A PRETENDERE UN  TG RAI
ANCHE IN LINGUA FRIULANA?
 
 
Nessuno ovviamente mette in discussione i giusti diritti linguistici e il livello di tutela già raggiunto dalla minoranza slovena che vive in regione, ma vanno garantiti pari diritti, tutela e finanziamenti anche ai 600 mila friulanofoni!
 
Da quanti anni - invano! -  la minoranza linguistica friulana sta richiedendo ad alta voce e del tutto inascoltata un  TG Rai (televisione e radio) in lingua friulana? Per risposta solo e sempre  promesse mai mantenute salvo  qualche breve programma esclusivamente "culturale"  in fasce orarie di basso ascolto....

Contemporaneamente "RADIO ONDE FURLANE", la gloriosa emittente radio privata che trasmette giornalmente  e da moltissimi anni un radiogiornale in lingua friulana, continua a non essere adeguatamente finanziata dalle Giunte regionali che si succedono in Regione (ma quando la Giunta Serracchiani decide di regalare agli "invalidi (sic!)" istriani un abbonamento annuale ai bus al costo di euro cinque, i soldi pubblici si trovano senza alcun problema!).
 
La Regione Friuli-VG. è a autonomia speciale esclusivamente perché in regione oltre il 50% della popolazione regionale (600 mila friulanofoni, 50 mila slovenofoni e qualche migliaio di germanofoni)  è minoranza linguistica riconosciuta e tutelata dalla Repubblica italiana ai sensi dell'art. 6 della Costituzione italiana e dalla Unione Europea.

Peccato che la Giunta regionale e la Presidente Debora Serracchiani se lo dimentichino sistematicamente e si inventino  altre motivazioni di specialità, in gran parte fasulle e indifendibili.....
 
La presidente Debora Serracchiani che ha utilizzato l'autonomia speciale per destrutturare il Friuli dividendolo in 17 UTI (Unioni Territoriali Intercomunali) "calate dall'alto e imposte con ricatti incredibili",  ora si attivi per garantire un Tg RAI alla radio e in televisione anche in lingua friulana.

L'autonomia speciale della nostra regione si difende tutelando e rispettando i diritti linguistici di tutte e tre le minoranze che vivono in Friuli-VG: concetto semplice ma evidentemente di difficile comprensione per chi siede in Consiglio e in Giunta regionale.....
 
LA REDAZIONE DEL BLOG

..................
 
 
NOTE PER GLI SMEMORATI:
 
 

1) Così la Corte Costituzionale

nella sua sentenza nr. 215

del 18 luglio 2013



Comitât – Odbor – Komitaat – Comitato 482

c/o “Informazione Friulana” soc. coop.

V. Volturno, 29 33100 Udin

Tel.: 0432 530614 Fax: 0432 530801 D.p.e.: com482@gmail.com



Anche per la Consulta i friulani
non sono una minoranza di serie B
 

Con la sentenza numero 215, depositata il 18 luglio (2013 -  n.d.r.), la Corte Costituzionale è finalmente intervenuta sull’articolo 19, comma 5, del decreto legge n. 98 del 6 luglio 2011 (decreto legge sulla revisione della spesa pubblica) chiarendo a quanti ancora non l’avessero capito che la comunità di lingua friulana è una delle minoranze linguistiche storiche riconosciute dalla Repubblica italiana la cui tutela discende direttamente dall’articolo 6 della Costituzione e non una minoranza di serie B.

Da dove nasceva la questione? In pratica, intervenendo in materia di “razionalizzazione della spesa relativa all’organizzazione scolastica”, l’allora Governo Monti aveva deciso di ridurre l’interpretazione del concetto di “aree geografiche caratterizzate da specificità linguistiche” a quello di aree “nelle quali siano presenti minoranze di lingua madre straniera”. Un intervento apparentemente di natura tecnica, ma che nelle sostanza introduceva un’aberrazione linguistica, storica e giuridica che creava minoranze linguistiche di serie A (quelle “di lingua madre straniera”) e di serie B (quelle che la Relazione Tecnica che accompagnava il decreto legge definiva, in spregio alla legge statale 482/99, dei “particolari dialetti” tra cui citava esplicitamente “il friulano, l’occitano e il sardo”).

In occasione della conversione in legge di tale decreto avevamo invitato l’Amministrazione regionale del Friuli – Venezia Giulia a intervenire presso la Corte Costituzionale se il Governo italiano non avesse cancellato tale aberrazione e oggi, a poco più di un anno di distanza, possiamo leggere la sentenza della Consulta che così recita “La norma impugnata attribuisce alla definizione di «aree geografiche caratterizzate da specificità linguistiche» una portata indiscutibilmente limitativa […] infatti, nel conferire a tale previsione il significato di aree «nelle quali siano presenti minoranze di lingua madre straniera», il legislatore statale determina una rilevante contrazione dell’àmbito applicativo della precedente disposizione […] la qual cosa determina una non giustificata discriminazione della lingua e della comunità friulana.

Il concetto si sembra abbastanza chiaro e ci auguriamo possa evitare nuovi episodi di discriminazione nei confronti dei friulani (ma anche dei sardi, degli occitani, ecc.).

Non possiamo però non chiederci come sia possibile che, in un paese che si definisce civile e democratico, ci si trovi ancora a dover ricorrere alla Corte Costituzionale per affermare quelle che dovrebbero essere ormai delle ovvietà. Il problema è purtroppo molto più profondo e infatti, a oltre un decennio dalla sua approvazione, non solo buona parte di quanto previsto dalla legge 482/99 sulla tutela delle minoranze linguistiche rimane lettera morta, ma i suoi stessi principi di base continuano ad essere ignorati da molti politici, amministratori, funzionari e anche giornalisti italiani. C’è allora da chiedersi quando la Repubblica italiana riuscirà davvero a riconoscere pienamente la propria diversità linguistica e nazionale? A tale domanda però, neppure la Consulta può dare una risposta.

Udine, 19 luglio 2013

Il portavoce del Comitato 482

Carlo Puppo
..............
 
 
 
2)  COMUNICÂT STAMPE
Zenâr 2013
 
Comitât – Odbor – Komitaat – Comitato 482
Edinost družbeno politično društvo

***   ***

50° anniversario dello Statuto di Autonomia

per le lingue minorizzate
non è ancora tempo di festeggiare


Il 31 gennaio 2013 il Consiglio regionale festeggerà i cinquant’anni dello Statuto speciale della Regione autonoma Friuli - Venezia Giulia.
Si tratta indubbiamente di un’occasione importante per evidenziare i cambiamenti e le opportunità di crescita che la Carta fondativa della Regione ha permesso in questo mezzo secolo di storia ai cittadini del Friuli - Venezia Giulia. Sarebbe però un errore cadere nella trappola della retorica dimenticando quanto, di quello Statuto, rimane ancora lettera morta.
È il caso dell’articolo 3 dello Statuto regionale, relativo alla tutela dei diritti delle minoranze linguistiche, cui si è data e si continua a dare un’interpretazione tanto restrittiva che la stessa Corte Costituzionale nella sentenza n. 15 del 1996 si era sentita in dovere di denunciare tale carenza legislativa.
A chi si chiedesse il perché di una tale affermazione, basterebbe ricordare che ai quindici anni di ritardo rispetto agli Statuti speciali della Valle d’Aosta e del Trentino - Alto Adige e al mancato rispetto della X disposizione transitoria che stabiliva l’immediata applicazione della “tutela delle minoranze linguistiche in conformità con l’art. 6”, si sono infatti aggiunte prima l’assenza e poi la violazione delle norme riguardanti l’uso delle lingue minoritarie nell’insegnamento, nella pubblica amministrazione, nei mezzi di comunicazione, nella toponomastica.
In un periodo in cui la nostra Regione si trova al centro di ripetuti attacchi tesi a ridurne, quando non a cancellarne completamente l’autonomia, tale tematica assume  una rilevanza ancora maggiore considerato che l’unica ragione che ancora ci permette di considerarci una Regione speciale nell’ambito dello Stato italiano è la presenza maggioritaria di comunità linguistiche e nazionali diverse da quella italiana.
Riteniamo pertanto opportuno, nel 50° anniversario della promulgazione dello Statuto regionale, richiamare l’attenzione su questo tema. Questa legislatura regionale è ormai agli sgoccioli, ma crediamo sia fondamentale per chi siederà nel prossimo Consiglio regionale assumere tale questione come centrale non solo per dare corpo a quanto enunciato dall’articolo 3 dello Statuto di Autonomia, ma anche per dare finalmente una risposta alle ripetute violazioni delle norme statali e regionali di tutela delle minoranze,  per ridare senso alla specialità e all’autonomia del Friuli - Venezia Giulia rispondendo così a quanti ne vorrebbero celebrare il funerale.

Edinost družbeno politično društvo
Samo Pahor


Comitât – Odbor – Komitaat –
Comitato 482